8 marzo. Noi lavoratrici del “Fatto” ci uniamo alla giornata di rivendicazione

Di Le lavoratrici della Società editoriale Il Fatto spa
8 Marzo 2019

In Italia una donna su tre tra i 16 e i 70 anni è stata vittima della violenza di un uomo, quasi sette milioni di donne hanno subito violenza fisica e sessuale, ogni anno vengono uccise circa 200 donne dal marito, dal fidanzato o da un ex. 420mila donne hanno subito molestie e ricatti sessuali sul posto di lavoro. Meno della metà delle donne adulte è impiegata nel mercato del lavoro ufficiale, la discriminazione salariale va dal 20 al 40 per cento a seconda delle professioni, un terzo delle lavoratrici lascia il lavoro a causa della maternità.

Anche quest’anno, il terzo consecutivo, è stato indetto lo sciopero femminista in 70 Paesi del mondo per l’8 marzo, in risposta a tutte le forme di discriminazione e di violenza di genere.

Noi lavoratrici della Società Editoriale Il Fatto per la prima volta aderiamo all’iniziativa, alcune sospendendo per un giorno l’attività lavorativa e altre esprimendo solidarietà pur non partecipando allo sciopero.

L’obiettivo è far capire che senza le donne un lavoro, compreso il nostro, non è lo stesso. Siamo sicure che molti dei nostri colleghi uomini, così come le lettrici e i lettori del Fatto Quotidiano, sono preziosi alleati in questa battaglia.

Perché la giornata di sciopero non sia solo l’unica occasione di confronto, le giornaliste del Fatto si impegnano e si impegneranno affinché quotidianamente il giornale continui a occuparsi di questi temi. E inoltre, per il prossimo mese, dedicheremo a storie di donne due pagine sul giornale del sabato. Per questo, chiediamo alle lettrici e ai lettori di segnalarci i temi a loro cari.

L’8 marzo non è solo oggi, ma tutti i giorni.

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui