Ogni epoca ha il suo punto definitivo di ricaduta. Quello, per intendersi, dopo il quale tanto vale staccare la spina. L’epoca attuale, in questo senso, è quasi rassicurante: il disastro è così continuo che, ormai, quasi non ce ne accorgiamo neanche più. Accade però che alcuni eventi brillino per surrealismo e mestizia. In questi casi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

la vignetta di Mora

prev
Articolo Successivo

Torino-Lione. Sul Tav è ancora possibile un compromesso o è ora di scegliere?

next