Le nostre città sono invase dagli zombie. Camminano con la gobba e la testa rivolta verso il basso. Sono ovunque: sulla metropolitana o sui marciapiedi, nei bar e talvolta anche al volante. Spesso barcollano e quasi mai si accorgono del mondo che li circonda. Per definirli in maniera più precisa c’è un neologismo, coniato dieci […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La conta degli intellettuali non risparmierà nessuno

prev
Articolo Successivo

Audio “hot”(privato) diffuso sui telefoni di mezza Italia: caccia al primo che lo ha condiviso

next