Nella lunga serie di numeri che descrivono l’impatto politico delle elezioni abruzzesi, ce n’è uno più efficace degli altri: 0. Zero. Come i voti della Lega Nord in Abruzzo nelle Regionali del 2014: a quell’appuntamento il Carroccio non si era nemmeno presentato. Cinque anni più tardi, si è capovolto il mondo: il partito di Matteo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

testatina

prev
Articolo Successivo

Cantiere Abruzzo: la presa del bottino di Giorgia e Matteo

next