I Piani individuali di risparmio (Pir) sono stati nel 2017 e 2018 il blockbuster dell’industria del risparmio gestito con oltre 800.000 sottoscrittori e incassi per oltre 14 miliardi di euro. Un fiume di commissioni (circa 300 milioni di euro nel 2018) è andato ad alimentare i bilanci di banche, reti e assicurazioni che hanno cavalcato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Casamonica, lo Stato abusivo di Roma Sud

prev
Articolo Successivo

Ceta, troppe paure senza fondamento

next