Il Pir è nudo: è stato un regalo alle banche e non finanzia le Pmi

Dopo la raccolta boom del 2017 spinta dai vantaggi fiscali, i Piani individuali di risparmio hanno fatto perdere soldi ai sottoscrittori. E ora è tutto bloccato in attesa della riforma
Il Pir è nudo: è stato un regalo alle banche e non  finanzia le Pmi

I Piani individuali di risparmio (Pir) sono stati nel 2017 e 2018 il blockbuster dell’industria del risparmio gestito con oltre 800.000 sottoscrittori e incassi per oltre 14 miliardi di euro. Un fiume di commissioni (circa 300 milioni di euro nel 2018) è andato ad alimentare i bilanci di banche, reti e assicurazioni che hanno cavalcato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.