Qualche giorno fa, su una rete televisiva nazionale, il ministro della giustizia ha manifestato con veemenza tutta la sua indignazione contro chi qualifica addirittura naziste, evocando così le deportazioni dell’Olocausto, le politiche sui migranti del governo italiano. In effetti, forse il confronto è eccessivo, eppure il ministro dovrebbe ricordare sia la recente storia italiana e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Campioni eterni. Quando l’età non conta

prev
Articolo Successivo

La pantera, dalla scuola alla strada

next