Un emendamento sofferto, tra decine di riedizioni, aggiornamenti, aggiunte e cancellature. Sulle trivelle Cinque Stelle e Lega combattono ancora, fino a sera tarda. Perché c’è una base di testo su cui il M5S non vuole spostarsi, su ordine di Luigi Di Maio: “Non si cede”. Ma la Lega fa muro, anche per mordere ancora il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Un milione di firme per i beni comuni

prev
Articolo Successivo

“Su Tav e trivelle non si cede. È l’identità del Movimento”

next