“Temendo una sua reazione, decisi di assecondare la sua richiesta… mi spogliai, rimanendo in biancheria intima. Lui mi disse che avrei dovuto denudarmi completamente”. Era l’autunno del 2017 quando le parole di tre attrici erano rimbalzate da un servizio de Le Iene fino alla Procura di Roma, costando al regista Fausto Brizzi l’iscrizione nel registro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il San Giacomo in vendita a 61 milioni: meno della metà del valore commerciale

prev
Articolo Successivo

Città in rivolta contro insegnante violenta: rimossa la preside. Attesa la decisione sulla docente

next