Tradimenti e omicidi social, così diventiamo i “vicini impiccioni”

Online ci sono foto, post e tracce dei rapporti storici tra le donne e il marito-amante
Tradimenti e omicidi social, così diventiamo i “vicini impiccioni”

Idettagli del delitto sono su ogni quotidiano: il corpo carbonizzato, il martello sotto il cadavere, il piano per attrarre la vittima, la scusa del chiarimento, la gelosia per quella moglie da cui lui aveva scelto di tornare. Li leggiamo avidamente. Cronaca e delitti attirano l’attenzione, ancor più quando sono passionali, d’amore o per gelosia. Il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.