“In questo lavoro in particolare, nella vita in generale ci sono momenti in cui hai bisogno di aggrapparti a oggetti o persone per ritrovare fiducia in te stesso, quando il tuo ego va nutrito in superficie e sorridi beota allo specchio. Così un giorno ho acquistato una cabriolet con sotto il cofano un numero di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

I “diavoli” pedofili erano finti, le tragedie sono vere

prev
Articolo Successivo

Il serial killer contro la ministra: uccide e amputa i genitori violenti

next