Com’era fin troppo prevedibile, il centenario di Giulio Andreotti, caduto il 14 gennaio scorso, ha scatenato una corsa alla canonizzazione di uno dei peggiori politici dell’Italia repubblicana, se non il peggiore, che potremmo riassumere in un ossimoro ironicamente blasfemo: San Belzebù. L’ultima celebrazione ieri al Senato, alla presenza del presidente dei vescovi italiani, il cardinale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il ritorno di Letta (che è stato sereno)

prev
Articolo Successivo

Firenze, l’ex capogruppo candidata sindaco con FdI: “M5S flirta con Nardella”

next