Nel 2015 il governo francese, dopo la strage nella redazione di Charlie Hebdo (7 gennaio, 12 morti), ha chiuso le frontiere con l’Italia. Anche Svizzera e Austria hanno intensificato i controlli anti-immigrazione ai confini. Fino ad allora si calcola che tra 70 e 100 mila persone l’anno, in parte sbarcate nelle regioni meridionali italiane (nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Oltre il confine chiuso da Parigi. “Sono arrivati in 7.400 in 18 mesi”

prev
Articolo Successivo

D’Alema: “Il Pd doveva dare l’appoggio esterno ai 5Stelle”

next