“In genere prendono l’ultimo autobus, che arriva a Claviere verso le 20.15 e si avviano da dietro la chiesa per salire in montagna. Cerchiamo di dissuaderli, diamo loro un volantino in cui si spiegano i pericoli che si corrono sulla neve. Prima di tutto non vogliamo morti!” . Michele Belmondo, del Comitato di Susa della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Diritti umani? Basta con le guerre ideologiche”

prev
Articolo Successivo

Dal 2015 il ritorno dei controlli

next