Tengo sempre le attenne ben dritte per captare cosa si muove e mi auguro che il 2019 sia l’anno della svolta nella scena musicale italiana: il momento in cui si prende la decisione di uscire dall’idea che ormai le canzoni sono destinate al consumo veloce. Oggi c’è bisogno di fare musica “pesante” nel senso che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Il libro italiano è gestito bene, tocca al governo”

prev
Articolo Successivo

“Cancellare pasticci e politica della paura”

next