Pizzo per la mafia, legnate per i driver incorruttibili, mazzette (da 500 a 2.000 euro) a quelli più malleabili: l’ippodromo della Favorita di Palermo era chiuso da un anno per i “condizionamenti mafiosi” e ieri è arrivata la conferma giudiziaria. Con un blitz che ha portato in carcere 8 tra driver, proprietari di cavalli e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Allarme Xylella, piante infette anche in Toscana. Il ceppo è diverso da quello della Puglia

prev
Articolo Successivo

Corinaldo, torna libero il 17enne sospettato di aver usato lo spray

next