Da bimbo Marco Minniti voleva fare il pilota e l’agente segreto. Da grande ha fatto tutti e due, ma solo nel cielo della politica, che come tutti sanno, contiene navigazioni capovolte. La sua dura da una ventina d’anni esatti, quando atterrò, con la testa già rasata, dalle parti di Massimo D’Alema che si preparava a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Un’amica di Buzzi e un’ex cuffariana decidono le regole delle primarie Pd

prev
Articolo Successivo

Contro “stupri e offese” in un Paese di omofobi

next