Un gruppetto di 19 Democratici, scelti con il bilancino, e perlopiù non esattamente nuovi alle cronache: è quello che dovrà stilare il regolamento del congresso del Pd. Appuntamento nuovo, liti antiche. Perché dietro i bizantinismi apparenti, si nascondono questioni politiche dense di significato (si fa per dire). Ma di certo vitali, almeno per i diretti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il flop dei comitati di Renzi: uno su due è fantasma

prev
Articolo Successivo

Il “Lord delle spie”: truppe (e Lou Reed) per invadere il Pd

next