Il nome scelto fa molto anni Ottanta. Ritorno al Futuro, come il film di Robert Zemeckis che, nel 1985, aveva per protagonista un Michael J. Fox che andava su e giù per i secoli con un’auto inventata da uno scienziato pazzo. Questo però non è un film, ma il nuovo partito di Matteo Renzi. Guai, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il premier esce dal guscio. E sbaglia un verbo

prev
Articolo Successivo

Un’amica di Buzzi e un’ex cuffariana decidono le regole delle primarie Pd

next