Raffaele Marra “non era un semplice passacarte”. Così in aula Maurizia Quattrone, dirigente della Squadra mobile di Roma, ha difeso le indagini che hanno portato all’impianto accusatorio nei confronti di Virginia Raggi, ora a processo per falso documentale per la nomina (poi revocata) a capo del dipartimento Turismo di Renato Marra, fratello dell’ex braccio destro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Quando il tabulato non basta per difendere un giornalista

prev
Articolo Successivo

Rifiuti, la terra dei fuochi ora parla lumbard

next