Che Paola Ogechi Egonu sia una giocatrice al di sopra di ogni standard lo suggerisce anche l’intelligenza con cui sorvola su alcune domande poco proprie che talora le vengono rivolte: per esempio, a chi le chiedeva se si sentisse Zaytsev al femminile fermamente rispondeva “No!”. E di certo non per antipatia. “Noi siamo le prime […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Ho scritto hit per altri. Adesso esco dall’ombra”

prev
Articolo Successivo

“Attacchi di panico”: un romanzo li svela

next