All’improvviso cambia tutto, ogni certezza salta, ogni parametro si altera, o peggio si azzera; all’improvviso si è vulnerabili, preda del possibile quanto dell’ineluttabile, fragili nelle consapevolezze acquisite, persi nelle ataviche debolezze. Così in un attimo, in quell’attimo “non ho capito più niente, pensavo di avere un infarto, ho sentito un peso e poi delle fitte al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Paola Egonu, stella in ritardo del volley femminile italiano

prev
Articolo Successivo

Un corto in 48 ore: la sfida mondiale anche per esordienti

next