A L’Aquila era tutto pronto per festeggiare Gianni Letta. E consegnargli simbolicamente le chiavi della città, ad eterno riconoscimento del suo impegno durante e dopo il terremoto del 6 aprile 2009. E invece nulla: la seduta straordinaria per conferire la cittadinanza onoraria all’uomo ombra di Silvio Berlusconi è stata cancellata. Perché qualcuno ha storto il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Auditorium di Roma, a rischio gli affari del genero di Letta

prev
Articolo Successivo

Addio Murdoch: Comcast gli sfila il controllo di Sky

next