Questo è un fumetto che parla del disegno come strumento per raccontare, ma soprattutto per vivere, anzi, per trascendere i limiti della vita, come osserva Manuele Fior nella postfazione. Perché Pompei è un’opera potente, unica, ma per capirlo non basta sfogliarlo. Il primo impatto con il libro di Frank Santoro, fumettista di Pittsburgh, è un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Contro gli omicidi, il materialismo investigativo di Marx ed Engels

prev
Articolo Successivo

Non fatevi spaventare dalle liste per le vacanze

next