Tutto previsto più di un secolo fa. Dalla globalizzazione al capitalismo finanziario. Era il 1871. E quel circolo vizioso resiste ancora oggi, anno di grazia 2018: “Più macchine, meno lavoratori, più profitti, meno consumatori, più sovrapproduzione”. Marx ed Engels, naturalmente. Solo che in questo caso i provvidenziali inventori del comunismo – economisti, filosofi e politici […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Marc Chagall grandi opere e miniature

prev
Articolo Successivo

Pompei, soltanto il disegno può trascendere i limiti della vita

next