È il 21 ottobre 1998 quando Massimo D’Alema diventa presidente del Consiglio, al posto di Romano Prodi silurato da Fausto Bertinotti. È il primo post-comunista che entra nella stanza dei bottoni. È da quel momento che cresce ciò che Gad Lerner chiama “ansia da legittimazione”: gli eredi del Pci, fino ad allora esclusi dall’area di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“La sinistra soffre un senso di inferiorità verso gli industriali”

prev
Articolo Successivo

Di Maio si arrende: Ilva andrà a Mittal. Adesso gli esuberi

next