“Il 26 agosto 2015 Quintario informava Gaetano Battocchio, presidente di Ecofficina, dell’imminente ispezione da parte dell’Arpav”. È uno dei passaggi degli atti della procura di Padova sul business che si sarebbe sviluppato sulla pelle dei migranti. I protagonisti dell’episodio sono un funzionario della prefettura di Padova e il dirigente di una delle maggiori cooperative venete […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’inchiesta “madre” Ong-scafisti verso l’archiviazione

prev
Articolo Successivo

Un giorno con Alì il caporale: “Sono il loro angelo custode”

next