Il telefono squilla alle 5.19. “Scusa il ritardo – dice Alì – ma oggi ci sono un po’ di casini. Ci vediamo sulla strada per Stornara tra un quarto d’ora”. Alì è un caporale. Un quarto d’ora dopo siamo fermi in una piazzola. Poco più in là, vicino l’ex casa colonica diroccata, c’è una decina […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Soffiate alla coop bianca, rimosso il viceprefetto

prev
Articolo Successivo

A Nardi il World Press Cartoon

next