Da grigio e ligio travet regionale, a vice capo di gabinetto di Cuffaro negli anni dell’assalto alla spesa pubblica siciliana, poi accantonato da Raffaele Lombardo e rilanciato oltre lo Stretto verso il vertice di Equitalia dal patronage del guardasigillii Angelino Alfano e dallo stesso Cuffaro, allora membro della Vigilanza Rai, che lo spediscono nel 2009 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)