Lo ha capito da tempo Matteo Salvini. Il tavolo da gioco non è più solo italiano. C’è un rimescolamento geopolitico, dove le forze si contano, si posizionano, conquistano terreno. La Lega, nata e cresciuta su salsa locale, ora punta alla partita europea. Tra meno di un anno ci saranno le elezioni per rinnovare il parlamento […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

I droni, le bombe, le accuse ai colombiani. Assedio totale: Maduro si sente agli sgoccioli

prev
Articolo Successivo

Dal Menl ad Apf, le coalizioni dei partiti contro l’Europa

next