Come in un gioco di immedesimazione, le forze politiche progressiste sembrano ogni giorno più ossessionate da tutto ciò che è marginale. Che si tratti di minoranze o gruppi vulnerabili da difendere, questo atteggiamento ha origine in una visione politica che ha fatto dell’io e delle sue volatili definizioni un simbolo sacro. La “politica identitaria” è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Non si processa un sentimento, anche l’odio lo è”

prev
Articolo Successivo

A scuola senza vaccini, cresce dissenso M5S. “Ma l’obbligo resta”

next