Locarno Film Festival, Piazza Grande. È la sera del 2 agosto 1973 e il più grande schermo d’Europa sta per programmare la première internazionale di un film destinato a fare la storia: American Graffiti. Alla regia firma un 29enne, tale George Lucas, uno che non aveva ancora abbastanza credenziali per gestire filmoni dal budget galattico […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La corsa all’interlocutore attivo: utente “online” anche su Instagram

prev
Articolo Successivo

“La mia libertà è anche non avere nulla da dire”

next