“Indecente”. Per giudicare il nuovo libro di Haruki Murakami, Killing Commendatore, la censura di Hong Kong non usa mezzi termini e non ricorre a parafrasi per addolcirne la forma, bollandolo come “un testo inadeguato e rivolto esclusivamente a un pubblico adulto”. Accade così che Haruki Murakami, l’autore nipponico più celebrato e letto al mondo e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Da “First man” al western dei Coen. Baratta: “Facciamo la storia”

prev
Articolo Successivo

Il Chievo resta in A per un vizio di forma

next