La magia di Franco Mandelli era dietro un sorriso, e in un luogo dove distendere i tratti del volto diventa la medicina più difficile da ingerire. Lui c’è riuscito. C’è riuscito nella sua clinica universitaria, un’impresa dedicata all’ematologia e costruita dentro al sistema sanitario nazionale, tutto pubblico, un luogo da interspazio, da realtà parallela, talmente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Sui migranti l’Ue serve più di Salvini

prev
Articolo Successivo

Martina, Indagatore dell’Incubo nel Pd dei morti viventi

next