La magagna di Gianluca era la sua tirchieria. Radicata, salda, inamovibile. Gianluca, in questo senso, non somigliava allo stereotipo del milanese in carriera. Lui non voleva fare soldi. Voleva preservarli. Viveva con la preoccupazione costante di dover mettere mano al portafogli, di essere fregato e derubato, di spendere più del dovuto, di non aver approfittato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Insegnanti e studenti: “Amlo salverà le scuole rurali e darà stipendi dignitosi”

prev
Articolo Successivo

Non solo cinepanettoni. Il lungo autunno in sala

next