Chi lavora per una piattaforma che offre servizi via app sarà “considerato prestatore di lavoro subordinato”, cioè un dipendente, anche se non c’è un orario di lavoro rigido e se è un algoritmo a decidere cosa fare e quando. La linea del governo Conte è drastica, senza precedenti a livello internazionale: i fattorini che consegnano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Garante Infanzia: “Cresce la povertà minorile”

prev
Articolo Successivo

I 4 punti dell’intervento

next