È passato un anno esatto da quando in Italia si è cominciata a ventilare l’ipotesi di chiudere i porti alle navi dei migranti. Era giugno dell’anno scorso quando Marco Minniti, diretto a Washington, dopo uno scalo in Islanda tornava indietro per fronteggiare l’emergenza. Erano le settimane in cui al Viminale si studiava il codice di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il “blocco” di Salvini non piace a Nogarin (e a diversi del M5S)

prev
Articolo Successivo

Don Roberto, prete tra gli schiavi “niri”

next