Nell’inferno di San Ferdinando arriva Roberto Fico. Proprio lui, il presidente della Camera, l’anima di sinistra del M5S, entra nella tendopoli a ridosso del porto di Gioia Tauro, nelle ore in cui tiene banco il “muro” del governo gialloverde contro la nave Aquarius e il suo carico di 629 migranti. Una ferita anche per un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La Cei protesta un po’ e trasmette “l’attracco”

prev
Articolo Successivo

“Dissi io a Minniti: i porti non si chiudono”

next