I Uno strappo al bon ton istituzionale che manda su tutte le furie il Pd e le opposizioni. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha invitato ieri i cittadini a votare il suo partito, la Lega, rompendo il silenzio elettorale (“un segnale anche a giornalistoni e rosiconi che pensano che in 7 giorni risolvevamo i guai […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Caro Battista, gli odiatori web lasciamoli nelle loro latrine

prev
Articolo Successivo

“Questo è un governo di selvaggi, ma il Pd doveva parlare coi 5stelle”

next