Ai cittadini di San Luca evidentemente i commissari piacciono. Alle elezioni del 10 giugno non si voterà nel piccolo paesino della Locride, in provincia di Reggio Calabria, conosciuto come la culla della ’ndrangheta. Dopo lo scioglimento per mafia del 2013 e una tornata elettorale in cui non è stato raggiunto il quorum nel 2015, per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“6.000 euro per 500 voti”: ogni promessa è schiaffo

prev
Articolo Successivo

Migranti, il pm Borgna: “Espellere ci costa. Bisogna scegliere in modo oggettivo”

next