Fosse stato un po’ più giovane, magari, l’avrebbe distrutto con la fantasia. Invece nella partita politica durata quasi 80 giorni, iniziata dopo il 4 marzo, Silvio Berlusconi ha perso sistematicamente tutte le mani che ha giocato. Al tavolo dell’ex Cavaliere, Luigi Di Maio è stato la nemesi, l’esecutore spietato. L’ultimo schiaffo (verbale) gliel’ha tirato ieri […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Rating e spread: ora i mercati temono i costi del programma

prev
Articolo Successivo

Tav Torino-Lione, ecco perché lo stop è possibile

next