Per fortuna, Dogman. Ci sono film, sempre più rari, che in poche inquadrature rimettono al centro del villaggio l’esperienza cinematografica e la fruizione in sala. In Concorso al 71° Festival di Cannes e da oggi sui nostri schermi, il nono lungometraggio di Matteo Garrone è uno di questi. Bastano due take, e dal ritrovato Villaggio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La crisi senza fine della Moka coi baffi: la Bialetti traballa

prev
Articolo Successivo

“Chi vince il Giro d’Italia lo farà col doping. Impossibile senza”

next