“Penso al 19 aprile 2024: quel giorno finirà la squalifica di 12 anni per doping. Mi farò trovare pronto, avrò quasi quarant’anni e l’intenzione è di essere ancora competitivo per vincere una grande classica”. Questo è Riccardo Riccò, campione del ciclismo avvelenato dalla “cura”, tra i più forti al mondo della sua generazione, ma due […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Cristo si è fatto Dogman. Garrone da Palma d’oro

prev
Articolo Successivo

Il corpo è l’unica via per conoscere l’anima

next