Difficile con quel nome – Lo Stato Sociale – rifuggire dall’etichetta di “artisti politici”. Sia chiaro, loro detestano le etichette, a partire da quella di “musicisti indie” contrapposti a un altrettanto generico “mainstream”, ma non esitano a sbilanciarsi sul presente e dintorni: “Fare cultura è sempre un atto politico: esprimersi davanti ad altre persone è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Guido Caprino, protagonista de ‘Il miracolo’: “Vi prego, non ditemi che sono un sex symbol”

prev
Articolo Successivo

Ferrara “casa per casa”, tra lustri fobie e il cadavere di Federico

next