Aveva legato il suo volto, e la sua voce, a una nota marca di detersivi e questo rischiò di rovinargli la carriera: “Il regista Bolognini era alla ricerca di un attore per doppiare il protagonista di Fatti di gente perbene. Gli suggerirono il mio nome e rispose: Figurati, se apre bocca penso al detersivo”. La […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Si votava dopo 9 anni: urne snobbate e l’appello dei politici non aiuta l’affluenza

prev
Articolo Successivo

Come il rev. Jones: Renzi ordina al Pd il suicidio di massa

next