De profundis – La finta unità dell’ultima direzione democratica ha elevato a dogma di fede la linea centrista e isolazionista del leader più sconfitto nella storia della sinistra. È il segnale che la mutazione genetica dell’ex Ditta ha investito quadri ed elettori superstiti, in attesa di un rivincita impossibile

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Paolo Ferrari, l’attore che prestava la voce

prev
Articolo Successivo

1978-2018: a Trieste per dire matto si dice ancora uomo

next