Il Maestro è tornato, ma in realtà non se n’è mai andato. Bastava, come sempre, rispettarne i silenzi. Riguardarne le opere, rileggerne le trame. E tentare ogni tanto di stanarlo nella sua tana viareggina. A più di quindici anni dalla scomparsa dell’amico fraterno Giorgio Gaber, Sandro Luporini torna a scrivere uno spettacolo teatrale inedito. Si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ermey e gli altri: grandi nomi a insaputa dell’intero mondo

prev
Articolo Successivo

I forni di Di Maio, Manzoni e la democrazia (etero)diretta

next