Annunciato venerdì, recepito ieri. Il Roskomnadzor, l’autorità per le telecomunicazioni, ha iniziato a bloccare in Russia la popolare app di messaggistica Telegram, con 15 milioni di utenti. Una decisione – presa in seguito alla sentenza del tribunale Tagansky di Mosca – che il fondatore dell’app, Pavel Durov, ha definito “incostituzionale”. Ora bisognerà vedere se il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)