È un’opera “estrema”, in un mondo tecnologico come quello di oggi, il terzo disco della talentuosa pianista e cantautrice Carlot-ta, intitolato Murmure, descritto come “un canzoniere gotico per organo a canne, voce e percussioni”. Composto da 11 canzoni che sono una commistione di sonorità arcaiche, folk intimo e contaminazioni elettroniche (consigliate Sputnik 5, Sparrow, e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Tributo a Elton, prima del suo (lungo) ritiro

prev
Articolo Successivo

Rivoluzione Volkswagen. Dopo il dieselgate arriva Diess

next