Partiamo dalle basi, dall’essenza, dalle radici. “Cos’è la cucina? Fantasia. Svegliarmi al mattino o andare a letto, e pensare a un abbinamento, un piatto da preparare, un profumo da ritrovare. Il bello, poi, è che non c’è un inizio né una fine”. È il buongiorno o la buonanotte di Alessandro Borghese, neanche 42 anni, uno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il welfare aziendale, ovvero come si arricchisce il datore di lavoro

prev
Articolo Successivo

Perché leggere Omero a vent’anni può essere davvero meraviglioso

next