Quando entrò nella macchina delle Fiamme Gialle che lo stavano arrestando, fu lui stesso a dire il suo vero nome: “Mi chiamo Luciano Liggio”, perché gli agenti pensavano si trattasse di un altro. Era il 16 maggio del 1974 e finì così la lunga latitanza del corleonese che liquidò la mafia feudale e latifondista di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Intercettazioni, il Pd è spaccato. Bindi: “Cambiare la riforma”. Orlando: “No, segue l’esperienza del pool antimafia”

prev
Articolo Successivo

I populisti vincono anche quando non sono al governo

next